mercoledì 30 marzo 2016

Let's talk about tvseries: VIKINGS S04E05-06 ~ Promised & What Might Have Been

STAGIONI: 4
STATO: in corso.
EMITTENTE: History Channel.
CAST: Travis Fimmel (Ragnar), Katheryn Winnick (Lagertha), Clive Standen (Rollo), Peter Franzén (King Harald Finehair) [more].



Promesse e desideri, questi i due temi portanti degli episodi cinque e sei di questa quarta stagione di Vikings, che oscillano tra realtà e visioni, rivincite e terribili disillusioni e rimpianti.
Ragnar è sempre più isolato e chiuso in se stesso, l'unica persona in grado di capirlo e curare la sua tristezza sembra essere Yidu, è lei l'unica che sa risvegliare il re dal suo torpore con il sempre affascinante richiamo di nuove culture e nuove terre che risuona forte nel curioso Ragnar, ma di certo tutto questo non può bastare e il personaggio di Travis Fimmel sembra stia preparandosi ad uscire di scena.
La voglia di andare avanti, continuare a vivere, lottare, conquistare e scoprire nuove frontiere sembra non esserci più e lo testimonia la sequenza onirica a chiusura del sesto episodio, in cui Ragnar con sguardo triste e allucinato ha una visione di quello che sarebbe potuto essere se avesse deciso di non intraprendere la sua formidabile scalata al successo per rimanere un semplice contadino, marito fedele e padre amorevole, ma come ben sappiamo la storia non si fa con i se e con i ma e bisogna proseguire, guidare il proprio popolo e soprattutto tornare a Parigi, lasciando il regno vichingo nelle mani della sempre più distante Aslaug che sembra curarsi solo di Ivar ancora bloccato dalla sua disabilità ma destinato, le saghe ci informano, a diventare un grande guerriero... nel suo percorso troverà l'aiuto di Harbard, il misterioso viandante che lo aveva già guarito dai suoi tremendi dolori? Forse, il ritorno di tale personaggio non è di certo un caso e avrà altro da raccontarci.
Per un personaggio che sembra non poterne più ne ritorna prepotentemente un altro, ovvero Lagertha, la shieldmaiden ha saputo costruire con calma e pazienza la sua vendetta: eliminato l'usurpatore Kalf, si è ripresa potere e contea ed è pronta a guidare un nutrito gruppo di guerriere verso l'ennesimo assalto alla città parigina, in compagnia di Erlendur che al momento si trova a dover far buon viso a cattivo gioco, la sua vendetta contro Bjorn dovrà aspettare, anche se il figlio maggiore di Re Ragnar sembra non vedere l'ora di eliminare il suo nemico più pericoloso, un ruolo importante in questo scontro lo ha anche la giovane Torvi che dovrà decidere se seguire il proprio cuore o il dovere.
Rimangono sullo sfondo i personaggi di Harald Finehair e di suo fratello ma ciò non significa che non rappresentino una seria minaccia per Ragnar e i suoi figli, soprattutto dopo che i due hanno ricercato e ottenuto il supporto di Floki, deciso a cercare la sua fortuna lontano dall'ex amico Ragnar, e ben sappiamo quale ottimo elemento perturbatore degli eventi riesca ad essere il costruttore di barche!
Non molto accade nei regni del Wessex e di Franchia dove tutti sono occupati a intessere e sbrogliare le varie trame dei numerosi intrighi di corte.
La trama si sviluppa lentamente, complice il raddoppiarsi degli episodi, eppure appare evidente che ci stiamo avvicinando a grandi passi ad una svolta all'interno della narrazione, il ritorno a Parigi significa principalmente che l'ennesimo scontro tra i due fratelli Ragnar e Rollo sta per avere luogo ed è sicuramente inevitabile. Se per Ragnar esso significa solamente fare i conti con un altro tradimento da parte del fratello per Rollo significa certamente di più, la fortuna sembra star iniziando a sorridere al più sfortunato dei Lothbrok ed è anche il momento di dimostrare all'amata moglie Gisla di non aver fatto solo vuote promesse, la stella del neo Duca di Normandia si fa sempre più brillante.
Forse se la stagione fosse rimasta composta dai canonici dieci episodi gli eventi sarebbero risultati più ravvicinati e avvincenti ma queste narrazione certamente più lenta delle precedenti può permettersi di concentrarsi maggiormente su ogni singolo personaggio. È innegabile che comunque la serie resta godibile e accattivante, di certo non delude, ed è bello solcare le placide acque a bordo dei drakkar vichinghi tuttavia coscienti che la tempesta si scatenerà presto.

fonte immagini: farfarawaysite.

Nessun commento:

Posta un commento

E tu cosa ne pensi?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...